25
Mar
16

Bullismo, smetti di farti mettere i piedi in testa

 

eba84ab6026c9b82df893e9a88f77d6532-290x272Non si fa altro che parlare di bullismo, termine forse un po’ troppo generico, che però comprende qualunque tipo di prepotenza fisica, verbale o strisciante nel web nei confronti del più debole e indifeso.

Ecco, è proprio questo il punto, “il più debole”, ma perché deve essere così fragile e inerme? E se lo è, perché raramente chiede aiuto, infilandosi in un imbuto che troppo spesso sfocia in orribili notizie di cronaca nera? Ci sono un po’ troppi ragazzini che addirittura tentano il suicidio perché da tempo sono vittime silenziose di bulli/aguzzini; forse però non sono solo i “prepotenti” di turno che dovrebberoimages (1) ricevere una lezione o imparare ad avere un equilibrio nel modo di porsi e di vivere nel mondo, ma anche quelli che si cuciono addosso l’abito della vittima.

Nel biennio 2013-2014, Telefono azzurro ha dovuto fare fronte a un totale di 3.333 consulenze su problematiche inerenti la salute e la tutela di bambini e adolescenti, e da allora il fenomeno è cresciuto molto. Il 34,7% dei ragazzi ammette di aver assistito o di essere stato vittima di episodi di bullismo, ma in tutta franchezza, secondo me la vita dei images (2)ragazzi in età scolare non può e non deve essere una statistica.

Fare minacce, far girare delle voci, cyber bullismo, assalti fisici o verbali o adoperarsi per escludere una persona da un’attività o un gruppo è facile, perché c’è chi non ha educato a monte, e chi lascia fare. È un argomento che ha suscitato l’interesse di molti a livello nazionale ed europeo in quanto gli adulti sembrano finalmente avere compreso che si tratta di un fenomeno con il qualeimages (5) non si deve imparare a convivere, perché è un problema che può arrecare un danno serio al benessere psicofisico degli studenti, lacerando personalità e rapporti.

Una volta che persecutori e vittime si sono insediati nel loro ruolo, non è facile uscirne, tuttavia è possibile, anzi si deve rigettare il ruolo di “agnello sacrificale”, anzi si deve assolutamente buttare via quel ruolo. È molto frequente invece che molti ragazzini continuino a recitare la stessa parte all’infinito o fino alla tragedia, o addirittura fino a che per motivi fisiologici le strade non si dividano.

imagesLa vittima apparentemente non fa nulla per provocare l’aggressore che invece la ricerca attivamente, proprio perché è tale e si mostra tale.

Naturalmente, per banale che sia, è ovvio che sul banco degli imputati vanno immediatamente i genitori di figli viziati e con un intollerabile delirio d’onnipotenza, che girano per le scuole vandalizzandole o per le città picchiando un barbone o un ragazzino con un qualunque pretesto. Mandarli dallo psicologo per me è sciocco, infliggergli una severa lezione, come farli lavorare per ripristinare tutto mi pare ilcome-sopravvivere-al-bullismo-nelle-scuole_60a7094da9fedf4624122a5c6b40efae minimo. Poi, far cambiare scuola al figlio perseguitato può essere una soluzione, tuttavia è anche una fuga, e una silenziosa sconfitta.

Non è possibile affrontare la vita, fin da ragazzini, coprendosi la testa per parare pugni e calci, forse invece, rialzare la testa, raddrizzare la schiena e far vedere i pugni all’aggressore può essere l’inizio della risalita.

Troppi studenti e studentesse si rifugiano nel pianto, nell’angoscia, chiudendosi nella loro stanza e sfogandosi scrivendo fiumi di frasi grondanti dolore e propositi suicidi e ciò è ingiusto, oltre che autolesionista.

images (6)Ebbene, tutte le agenzie educative possono fare molto per sensibilizzare, ma non basta, poiché come dice il detto “chi si fa pecora, arriva il lupo e se lo mangia”. A quanto pare sono stati sbranati fin troppi agnelli e qualche calcio e schiaffo va restituito.

Naturalmente non si deve promuovere la violenza, ma chi è attaccato e aggredito, ha il sacrosanto diritto di reagire e difendersi, altrimenti la catena non si spezzerà mai e i bulli avranno sempre partita vinta.

 E’ necessario insegnare a chi piange per insulti e derisioni che può e deve reagire. E’ fondamentale che a uno schiaffo non si porga all’infinito l’altra guancia, ma che si restituisca e non è detto che da una zuffa tra ragazzini, non possa anche nascere un’amicizia.

Nutrire l’autostima di chi è fragile è necessario affinché trovi la forza che ha in sé, un’energia che spesso molti non sanno nemmeno di avere.

Simona Aiuti


0 Risposte to “Bullismo, smetti di farti mettere i piedi in testa”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


marzo: 2016
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: