01
Feb
16

Family day e legge Cirinnà


zebrataFamily day, un rito che si ripete e sempre per andare a contrastare alcune conquiste di civiltà, che cozzano sostanzialmente con determinati cardini vecchi, polverosi e obsoleti, ma che tengono ancora insieme l’Italietta un po’ sciocca e “ignorantella”. Gli italiani non leggono, studiano poco, non crescono culturalmente e nemmeno economicamente, però desiderano restare così, in una pia inconsapevolezza, che sa tanto di epoca fascista.

I partecipanti al family day hanno sbandierato di essersi presentati alimages (4) Circo Massimo di Roma in due milioni, e la cosa ha fatto subito alzare il sopracciglio, perché in quella zona non si possono contenere neanche trecentomila persone scarse, manciata in più, manciata meno e già qui il flop era bello e servito. Comunque erano in molti, tante allegre famigliole, bimbi cinguettanti, mariti, mogli  che davanti ai microfoni ripetevano più o l43-tradimento-130503172456_bigmeno la stessa solfa, ovvero che un bimbo nasce da un uomo e una donna e così è sempre stato, ed io che credevo mi avesse portata una cicogna bionda e glitterata come Donatella Versace, sono rimasta malissimo, come quando alla veneranda età di undici anni venni a sapere che Babbo Natale non esisteva!

Potremmo ricordare a chi vuole ignorare che nel mondo esistono moltitradimento generi di famiglie, e che in quasi in tutti i paesi civilizzati le unioni gay ci sono. In Olanda almeno dal 1970 i gay crescono dei figli che fior di ricerche e statistiche scientifiche, frutto di università blasonatissime, definiscono tali soggetti assolutamente normali ed equilibrati. Le coppie gay esistono e hanno il diritto di vivere in pace senza alcuna discriminazione, poiché non sono esseri di serie B.

In Bulgaria invece no, ma con tutto il rispetto non mi pare che si trattiimages (3) del faro a cui tutti guardano.

Il grottesco si raggiunge però andando a vedere la cristallina vita di chi si oppone alle unioni gay o al fatto che gli omosessuali possano crescere dei figli. Si tratta di gente etero, ma spesso pluridivorziata, divorziata, e con tanti scheletri nell’armadio, che si sa, prima o poi tracimano.

Molti di quei mariti etero, giovani e prestanti, con all’anulare una fede luccicante, e un marmocchio che la notte non dorme, appena possono vanno a prostitute con in auto il seggiolino del pupo, e se sono al top, vanno a trans. E che dire delle mogliettine che dopo aver portato i figli a scuola, si concedono un paio d’ore con l’amante, poi però alla domenica vanno a messa con tutta la ciurma, e il quadretto è salvo.

images (1)Sarebbe bene ricordare che la maggior parte degli abusi sessuali contro le donne e i bambini, avvengono in famiglia e da padri e parenti assolutamente etero, ma in questi giorni non se ne parla non sta bene. Stavamo in pensiero, e alla fine è intervenuta anche la chiesa con alti prelati a dire che un bambino ha diritto a una madre e a un padre, così, tanto per mettere la ciliegina sulla torta, solo che si tratta di un dolce andato a male. Potremmo parlare a lungo dei preti pedofili, o delle orge gay a base di coca in cui sono rimasti coinvolti taluni sacerdoti, ma è meglio glissare e ricordare solo che loro la moglie non l’hanno, i figli sì, ma anche questo è un altro capitolo.

downloadTutti sappiamo che l’ideale per un figlio, è avere una madre e un padre, ma non sempre la vita va come vorremmo e allora cosa deve fare il legislatore o la persona di buon senso, se non promulgare leggi che tutelino tutti i bambini, non solo i figli del “mulino bianco”.

Non si fa che parlare della miglior condizione psicologica per i bambini, però sembra che ci si dimentichi di quanto vengano strumentalizzati questi figli, manipolati da soggetti etero che spesso li sfornano per tentare di salvare un matrimonio, addirittura c’è chi li prende in affido e cerca di adottarli nel becero tentativo di tenere insieme i cocci di nozze che puzzano di marcio, e poi con un filo di perle e dopo la messa, hanno anche il coraggio di pendersela con la non ancora varata legge Cirinnà?

Simona Aiuti

Annunci

0 Responses to “Family day e legge Cirinnà”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


febbraio: 2016
L M M G V S D
« Gen   Mar »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
29  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: