Archivio per gennaio 2014

20
Gen
14

Cognome materno o doppio cognome, ecco le novità

1e9b37dc919152c2259La Corte europea dei diritti dell’uomo ha condannato l’Italia, e non è la prima volta che arriva una batosta per il nostro paese e sempre per lo stesso argomento. Anche i genitori italiani hanno il diritto a poter dare ai figli il cognome della madre e solo quello, se lo desiderano. Sono circa trent’anni che arrivano tirate d’orecchie e staffilate durissime riguardo quest’argomento per noi italiani. La Corte europea dei diritti dell’uomo ha condannato l’Italia per aver negato a una coppia la possibilità di dare alla figlia il solo cognome materno, eppure la pachidermica macchina politica italiana ancora si muove a rilento e male! Il parlamento italiano dovrà legiferare in questo senso, quindi le coppie potranno fare ricorso per ottenere il cognome materno per via giudiziaria. Purtroppo però ora iniziano le note dolenti, infatti il disegno di legge su cui si sta lavorando prevede che il cognome della madre si potrà dare solo se lo concede il padre, e questo concetto molti italiani proprio non riescono a digerirlo.

Il testo prevede l’obbligo per l’ufficiale di stato civile dell’iscrizione all’atto di destranascita del cognome materno in caso di accordo tra entrambi genitori. In questo modo sarà possibile la trasmissione del cognome materno, ma come sopra detto, solo se il pa

pà è consenziente. Nessuna parità dunque tra uomo e donna 

e per dare il cognome al figlio una donna dovrà addirittura chiedere il consenso al padre del bambino: ma allora perché non chiedergli il permesso anche per mettere una gonna con l’orlo sopra il ginocchio?

A dire il vero, il disegno di legge è scarno, 4 articoli in 

jyj

tutto. Sembra una rivoluzione, e anche avviata in tempi record dall’esecutivo per dare una risposta veloce alla Corte europea per i diritti umani, che il 7 gennaio ha condannato il nostro Paese proprio perché discrimina la donna. E ironia della sorte, per rispondere a una sentenza che ci bacchetta per aver discriminato le donne, rispondiamo con un disegno di legge che discrimina a sua volta.

L’esecutiv

o ha anche deciso di far approfondire tutti gli aspetti da un gruppo di lavoro interministeriale, il che significa che il disegno di legge potrebbe finire in una bolla di sapone come è accaduto ad altri suoi predecessori. Il ddl modifica l’articolo 143-bis del codice civile e prevede che il figlio “assume il cognome del padre ovvero, in caso di accordo tra i genitori risultante dalla dichiarazione di nascita, quello della madre o quello di entrambi i genitori”. Stessa regola per i figli nati fuori dal matrimonio o adottati. In pratica, secondo il testo governativo il neonato prende “in automatico” il cognome paterno, salvo che i genitori non si mettano d’accordo per dargli quello della mamma o entrambi. La possibilità che deriverebbe dalla nuova legge, che fratelli e sorelle abbiano cognomi diversi sembra un problema insormontabile, 

klimtc

ma per i più è solo una scusa bella e buona. Principalmente non convince il fatto che se il papà non è d’accordo la mamma non può dare il proprio cognome al figlio e questo è intollerabile, poiché riporta la donna ad una condizione subalterna. E’ una beffa che sia stato messo per iscritto che la concezione della donna nei confronti dell’uomo cui spetta ancora l’ultima parola è e resta subalterna.

Non è prevista alcuna reciprocità: perché il parere del marito è vincolante e quello della moglie no? Perché il cognome materno è ammesso soltanto se il padre è d’accordo e non viceversa? Perché la donna non può decidere se il proprio figlio debba o non debba avere il cognome del padre e deve deciderlo un tribunale o il padre stesso? Ci attendiamo tempi veloci per il varo di una legge, ma che sia una vera legge, non un insulto ai diritti civili delle donne italiane, e non tollereremo mai un decreto o un obbrobrio che metta la donna in una luce subalterna.

Simona Aiuti

Annunci
14
Gen
14

Juventus, storia di un capo ultras!

320Il presidente è stato ferito, come un leone preso di sorpresa, giovane e ancora nel pieno delle forze, con un cuore che batte per un ideale abbracciato da bambino. Umberto Toia, 48 anni, storica bandiera del tifo bianconero, è stato vittima di una spedizione punitiva, o chiamiamolo agguato, perché la sostanza non cambia, ed è accaduto poco prima di Natale, ma è bene capire cosa si agita nel tifo nazionale e se ci sono dei veleni che aleggiano attorno a questa storia e riflettere ora a bocce ferme.

L’agguato si è consumato nel cortile del bar Black&White di Grugliasco che Toia gestisce da anni, dove è stato avvicinato da un gruppo di uomini a volto coperto e armati di spranghe. L’atto è stato vile e degno di chi non affronta l’avversario alla pari. Lo hanno colpito alla testa con violenza, spezzandogli le gambe, poi massacrato di botte e così a terra, al freddo, in fin di vita avrebbe potuto non uscirne vivo.

Toia capo storico e di temperamento degli ultras Fighters, ha dato molto alla pixiz_4f804dd247db0Juventus, cuore, sentimenti e passione. Difficile addentrarsi nel labirinto di questo mondo, eppure Umberto ha profuso nel mondo delle curve, risorse umane, sentimento e anche risorse economiche, riuscendo anche ad avere un’attività economica di ritorno. Si è parlato molto di merchandising, d’interessi economici legati allo sfruttamento di alcuni marchi e anche della posizione che le tifoserie hanno all’interno dello stadio.

Quella sera Toia indossava la maglietta del suo gruppo, Tradizione. È il cuore di una galassia d’altre sigle (Fighters, Antichi valori), che allo stadio occupano la parte bassa della curva, vicino al campo, e che in passato si sono contrapposte a chi oggi sta in alto, al secondo anello, i Drughi. Quei posti in curva, nell’estate 2011, durante il ritiro della Juve a Bardonecchia, se li contesero in una rissa a coltellate: brutta faccenda. La posizione vuol dire potere, che significa grande seguito, e quindi guadagno per i professionisti del tifo. Stare in basso è cosa ben diversa che stare in “piccionaia”, ma abbiamo ragione di credere che ci sia ben altro dietro all’aggressione di Toia.

136056hp2Molte chiacchiere sono state scribacchiate riguardo questa vicenda, parlando di criminalità di basso livello, di balordi, ma resta il vile agguato di chi si nasconde nell’ombra e vile resta!

E’ chiaro che qualcuno cercava vendetta per qualcosa di grosso, tuttavia mai si può giustificare un atto simile, nemmeno se Toia fosse un pericoloso criminale, cosa che naturalmente non è. Anche gli inglesi del Heysel, i terribili hooligans affrontavano e affrontano il nemico a viso aperto, quelli che Umberto incontrò quel pomeriggio in Belgio, già, c’era anche lui. Tutto questo non deve avere spazio nello sport, negli stadi, eppure l’esperienza insegna che altre pagine dovranno essere scritte in questa vicenda. Auguriamo al Presidente una pronta guarigione e di tornare presto a ruggire in curva, sollevando magari un’altra coppa.

Simona Aiuti




Annunci
gennaio: 2014
L M M G V S D
« Nov   Feb »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031