22
Nov
09

Zeman contro le vecchie gerarchie della Juventus

Torna a soffiare il vento dell’est di Zeman! – di Simona Aiuti

 

 

      

 

      Email this

   

      

 

      Print this

 
Il migliore casino online! Gioca adesso su JackpotCity!

 
 

2Secondo Zeman, fu machiavellicamente assunto al Napoli con il benestare di Moggi con l’intento di rovinargli la carriera. Noi non sappiamo se ciò sia vero, ma qualche dubbio lo nutriamo”

di Simona Aiuti

Zdenek Zeman ha testimoniato il 20 novembre a Napoli per il processo sullo scandalo del calcio e non poteva perdere l’occasione per vivere il canto del cigno, un refolo di vento di notorietà per poco vissuta e forse tanto rimpianta.

Ha sostenuto che la sua carriera di allenatore è stata danneggiata dopo la denuncia del doping incentrata sul nulla e approdata a nulla, in cui fu coinvolta la Juventus, per sette anni perquisita in ogni angolo e senza mai trovare nulla.

L’ex d.g. della Juve Luciano Moggi avrebbe, infatti, impedito che Zeman allenasse squadre come il Palermo e il Bologna e avrebbe altresì favorito la sua assunzione al Napoli solo per rovinarlo, come ha affermato. E’ lecito chiedersi come mai un uomo ritenuto così potente sia potuto finire inquisito?! E perché sia stato l’unica pedina di una intera scacchiera a finire sotto il microscopio.

Dunque Zeman sarebbe stato boicottato da Moggi, anch’egli in aula. Zeman ha detto: “Ho allenato in pace fino al ‘98, poi si è scoperto che Moggi non mi voleva in squadre tipo Bologna e Palermo”.
Il migliore casino online! Gioca adesso su JackpotCity! Il tecnico boemo che vive in Italia da quando era appena un ragazzo, avendo lasciato l’Europa dell’Est dove la vita era dura essendo oltre cortina, ha costruito una carriera in Italia e ha fatto a suo tempo le note dichiarazioni di presunto doping relativo a calciatori e squadre italiane, omettendo del tutto ciò che accadeva all’Est, dove lo sport era quasi esclusivamente doping, al punto che alcune ragazze si mascolinizzarono, per quanti ormoni avevano in corpo, ma vincevano tutte le medaglie.

Zeman non ha mai denunciato tutto questo, ed ha anche sottolineato che l’ex vicepresidente del Lecce, Moroni, gli riferì di essere stato rimproverato dall’allora amministratore delegato della Juventus Giraudo per averlo preso nella società pugliese.

Zeman, notoriamente serafico e poco loquace, si è anche soffermato a ricordare la sua breve esperienza nel Napoli: “Alla settima giornata, dopo il pareggio a Perugia, fui esonerato: noi facemmo una grande partita, vincevamo e ci fu fischiato contro un rigore inesistente. In tv fui esonerato dal signor Corbelli (ex presidente del Napoli, ndr)”. Secondo Zeman, fu machiavellicamente assunto al Napoli con il benestare di Moggi con l’intento di rovinargli la carriera. Noi non sappiamo se ciò sia vero, ma qualche dubbio lo nutriamo.
Il migliore casino online! Gioca adesso su JackpotCity!


0 Risposte to “Zeman contro le vecchie gerarchie della Juventus”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


novembre: 2009
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: